ORARIO SCOLASTICO_agrario slide a scalre

Progetti PON del Vittone   

L’Istituto Vittone  si è al momento aggiudicato 5 progetti finanziati con i fondi europei per il biennio 2017/19

  1. Competenze di base
  2. Orientamento formativo e riorientamento
  3. Alternanza scuola-lavoro all’estero
  4. Valorizzazione del patrimonio artistico e culturale
  5. Competenze di cittadinanza globale
  6. Competenze di cittadinanza europea

Questi  progetti sono diretti ad ampliare ed a personalizzare l’offerta formativa, intercettando i bisogni formativi degli studenti di tutti gli indirizzi e di tutte le classi.

Si prevede infatti la fruizione di almeno un  modulo da parte del 30% dell’intera popolazione scolastica.

 

Al primo biennio è indirizzato in primo luogo il progetto COMPETENZE DI BASE, che si articola in 9 moduli: 3 dedicati al rafforzamento delle competenze in matematica (mate@ttiva 1,2,3); 3 al potenziamento della lingua inglese (English for life 1, 2, 3) e finalizzato al conseguimento delle certificazioni internazionali di base; 2 al potenziamento della prima lingua (Scrivo dunque sono, Leggo, scrivo, recito e produco) ed 1 al rafforzamento dell’area scientifica (L’esperienza insegna, dall’esperimento si impara). Sono rivolti agli studenti che si affacciano alla scuola superiore con delle carenze di base o con delle lacune selettive o ancora provenendo da percorsi difficili e puntano soprattutto su metodologie innovative: in accordo con gli insegnanti curricolari delle discipline interessate, si tenta di “sciogliere i nodi” utilizzando la didattica laboratoriale, la flipped classroom, un approccio ludico con strumenti congeniali alle nuove generazioni, atti a valorizzare la creatività ed il pensiero divergente.

 

Sempre al primo biennio è rivolto il modulo ANOTHER BEGINNING, pensato per i numerosi studenti incerti nella scelta del percorso da intraprendere dopo la scuola media,  che magari dopo qualche mese di frequenza vorrebbero cambiare l’indirizzo di studi, preferibilmente senza perdere l’anno scolastico. Il modulo è plasmato sulle specifiche esigenze di ciascuno studente da riorientare e gli permetterà di riallinearsi integrando in modo mirato le discipline che non sono state affrontate nel corso di studi da cui proviene.

 

Più specificamente rivolti al triennio  sono gli altri tre progetti, che puntano all’internazionalizzazione, all’inclusività oltre che alla valorizzazione delle diverse attitudini.

 

COMPETENZE DI CITTADINANZA GLOBALE, che ha come finalità la promozione della formazione di cittadini consapevoli e responsabili, pienamente inseriti nella società moderna in continua evoluzione negli stili di vita, nel sapere e nelle tecnologie. Il progetto consta di 4 moduli che coinvolgeranno nell’a.s. 2018/19 20 studenti ciascuno e saranno così articolati: Un click per un giro di orti (educazione ambientale, cibo e territorio); Corpo, salute e benessere e Se la montagna non va a Maometto (benessere, corretti stili di vita, educazione motoria e sport); Un bosco in comune (educazione ambientale)

 

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ALL’ESTERO. L’Istituto, grazie ai fondi europei, è in grado di offrire  esperienze di mobilità all’estero, completamente gratuite per gli studenti selezionati.

Il primo progetto, rivolto a 15 ragazzi delle classi quarte in possesso della certificazione internazionale B1, consiste in 20 ore di formazione finalizzate all’apprendimento imprenditoriale (in lingua inglese) e in quattro settimane di tirocinio estivo, nella città di Sofia (Bulgaria), in aziende in cui i tirocinanti potranno affiancare gli operatori delle agenzie formative partner realizzando attività, parti costitutive di un dato compito, fino allo svolgimento di un compito nel suo insieme e contemporaneamente rafforzare le proprie abilità anche al di fuori dei ritmi e dei vincoli dell’attività di lavoro.

Il secondo: CITTADINANZA EUROPEA è ancora in fase di valutazione e prevede tre settimane di stage estivo a Cork (Irlanda)

 

ORIENTAMENTO FORMATIVO. Il progetto, rivolto agli studenti delle classi terminali di ciascun indirizzo, si articola in 3 moduli.

  1. a) Verso l’università: per gli studenti che intendono proseguire gli studi e che dovranno sostenere i test d’ingresso là dove previsti per l’accesso all’università. A quanti ne hanno fatto richiesta è stato offerto un percorso personalizzato di lettura delle proprie attitudini, di approfondimento delle motivazioni e di potenziamento delle competenze logiche e disciplinari utili per il superamento dei TARM: nel modulo di 30 ore (articolate su due anni) si alterneranno 6 professionisti per coprire le differenti esigenze formative.
  2. b) Verso la professione: modulo analogo al precedente, rivolto agli studenti che non intendono proseguire gli studi ma avviarsi consapevolmente al mondo del lavoro, ricercando la loro collocazione ideale. Si tratta di un percorso guidato alla scoperta del mondo del lavoro per scegliere tra le diverse opportunità la realizzazione professionale più adatta alla personalità e alle aspirazioni di ciascuno.
  3. c) Orientarsi con un video: modulo finalizzato a un corso di montaggio video per la realizzazione di mini-documentari di presentazione delle diverse professioni intraprese dagli ex studenti del Vittone che hanno sfondato nei più svariati settori, nonché di video pubblicitari legati alla realizzazione del progetto “Pista!” e del progetto “Scopritalento Laboratorio Future Cup”

 

PROMOZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE E ARTISTICO

Anche questo progetto, rivolto agli studenti di tutti gli indirizzi, si articola in 3 diversi moduli.

  1. a) Storia, trame e note: modulo pensato come attività da destinare a studenti che impareranno a conoscere la realtà storica delle loro città ed in particolare la Chieri medievale, il Museo del Tessile ed il Museo del Paesaggio.
  2. b) “An app by bike” s’innesta sul modulo precedente e lo completa con un proposta di turismo sulla scia delle BluWay con la realizzazione di un’app. I percorsi, suggeriti dall’applicazione in bicicletta, saranno corredati di informazioni pertinenti all’itinerario istanze, tempi di percorrenza, condizioni meteo, orari di apertura/chiusura, costo di eventuali ingressi, …) nonché ovviamente da considerazioni di carattere storico e culturale estrapolate dal materiale prodotto dal precedente modulo: “Storia, Trame e Note”
  3. c) I bastioni della Mina. Il modulo prevede la rigenerazione urbana di quest’area periferica – ora chiusa al pubblico – e ubicata all’interno delle mura cinquecentesche della città di Chieri, mediante la realizzazione di un orto didattico con un “orto sinergico”, in cui gli studenti dell’agrario procederanno alla coltivazione di piante utili all’uomo, alla collocazione di mangiatoie per uccelli e di arnie per api, alla decorazione grazie all’impianto di viti, di piante tintorie e alla collocazione di una meridiana, all’abbellimento dell’area con pannelli esplicativi e panchine. Il tutto ovviamente preceduto da una fase di ricerca e di documentazione storico-urbanistica dell’area di studio, che confluirà in un servizio di visite guidate (anche in inglese) per l’illustrazione dell’itinerario proposto.

 

 

Accordion article(2)
Accordion article(3)
Accordion article(4)